- ARTROSI - ARTRITE - DOLORI CERVICALI - MAL DI TESTA - VERTIGINI - MAL DI SCHIENA - SCIATICA - LOMBOSCIATALGIA - ERNIA DEL DISCO - NEVRALGIA DEL TRIGEMINO - DOLORE NEUROPATICO - DOLORI MUSCOLARI - TERAPIA DEL DOLORE - TRIGGER POINT - CONTRATTURE MUSCOLARI - IPNOSI - SMETTERE DI FUMARE - PERDERE PESO - EFFETTI COLLATERALI CHEMIOTERAPIA

Gravidanza, menopausa e fertilità

L’Agopuntura trova numerose applicazioni in gravidanza, soprattutto in quei casi in cui i farmaci sono inefficaci o controindicati

ATTENZIONE: rivolgersi ad un medico agopuntore esperto e qualificato.

VOMITO IN GRAVIDANZA

Si manifesta nei primi tre mesi con produzione eccessiva di saliva, nausea e vomito.

Gli accessi di vomito sono spesso mattutini e senza emissione di cibo digerito.

E’ un disturbo fastidioso ma non grave perché di solito non incide sullo stato generale di salute, a meno che la donna non smetta di alimentarsi e di bere, con conseguente malnutrizione e disidratazione.

Se il disturbo è lieve valgono alcuni consigli: fare lunghe passeggiate all’aria aperta, suddividere i pasti in tanti piccoli spuntini ricchi di cibi salati e secchi o comunque graditi alla gestante, evitare gli odori fastidiosi e l’aria viziata degli ambienti chiusi.

Nei casi ribelli, l’agopuntura fa scomparire il disturbo con circa tre sedute.

LOMBALGIA GRAVIDICA

Studi epidemiologici effettuati negli Stati Uniti hanno rilevato una incidenza di dolore lombare  in gravidanza tra il 49% ed il 56%. Nella maggior parte dei casi il dolore compare tra il 5° ed il 7° mese di gestazione e le cause non sono del tutto chiare.

Esiste un’ampia casistica clinica che documenta l’efficacia dell’agopuntura.

RIVOLGIMENTO FETALE

Uno dei primi effetti dell’agopuntura riconosciuti in Occidente è quello di poter evitare il taglio cesareo se il feto resta in posizione podalica.

Normalmente, tra la 28° e la 34° settimana, il feto si capovolge e si dispone in presentazione cefalica (a testa in giù). Questa posizione è fondamentale ai fini di un parto normale e senza complicazioni.

Accade talvolta che il feto rimanga in posizione podalica o in posizioni intermedie che possono costituire un rischio per la gestante e per il nascituro.

Già nell’agosto del 1984 la “Cooperative research group of moxibustion version” espose, al 2° Simposio d’Agopuntura di Pechino, l’osservazione clinica relativa all’effetto della moxibustione sul rivolgimento fetale. Lo studio è stato eseguito su 505 donne tra le 28° e la 34° settimana con feto in presentazione podalica. Delle 241 donne trattate con moxibustione per sette giorni, in 195 (cioè l’80,91%) la presentazione si è corretta. Nel gruppo di controllo (264 donne) il rivolgimento si è verificato solo nel 49,24% dei casi con una differenza statisticamente significativa.

L’ esperienza clinica conferma quotidianamente questa statistica: 8 donne su 10 ottengono il capovolgimento del feto, evitando in tal modo l’intervento chirurgico, stimolando con ago o calore un punto specifico che si trova sopra l’angolo esterno dell’unghia del dito mignolo.

Il feto si capovolge generalmente durante la seduta o nelle ore successive.

Sono generalmente sufficienti una o due sedute. Effetti collaterali: nessuno.

 

 

Disturbi del ciclo mestruale

Per i disturbi del ciclo mestruale dobbiamo distinguere:

disturbi del ciclo mestruale
In presenza di un problema mestruale occorre, in primo luogo, effettuare una visita specialistica ginecologica atta ad escludere la presenza di patologie organiche come fibromi, endometriosi, neoplasie, infezioni o altro.

È possibile trattare con l’agopuntura tutti i problemi mestruali su base funzionale, cioè quelli sostenuti da squilibri ormonali in assenza di patologie organiche.

L’attività delle ovaie è regolata da due ormoni prodotti dall’ipofisi.

L’ormone FSH stimola l’ovaio a produrre gli estrogeni nella prima metà del ciclo (fase estrogenica). A metà ciclo l’ormone LH, che stimola la produzione di progesterone,  aumenta per favorire la maturazione dell’ovulo (ovulazione) e si mantiene elevato nella seconda metà del ciclo (fase progestinica).

Negli ultimi giorni del ciclo si verifica un calo di progesterone e la mucosa dell’utero si sfalda (flusso mestruale).

Col rinnovo dela mucosa uterina inizia poi una nuova fase estrogenica….

Prima di iniziare il trattamento con Agopuntura è bene disporre di tre dosaggi ormonali effettuati al 7°, 14° e 21° giorno del ciclo. In questa maniera é possibile dedurre quale è la fase ormonale alterata e programmare i giorni in cui occorre intervenire.

In caso di dismenorrea l’agopuntura può risolvere in maniera definitiva il problema tra l’80 e il 90% dei casi.

Spesso sono sufficienti poche sedute.  Generalmente si effettua una sola seduta al mese, nei 4-5 giorni prima del flusso mestruale, per tre cicli mestruali.

In genere i risultati si osservano già dopo la prima seduta.

 

 

Disturbi della menopausa

Nella vita della donna la menopausa rappresenta un momento di transizione fisiologica. Tuttavia numerosi fattori di tipo sociale e culturale, tra i quali ricordiamo il termine dell’attività lavorativa, la crescita dei figli e la paura di invecchiare, fanno sì che la donna spesso viva con difficoltà questo periodo contrassegnato da intense variazioni ormonali.

Il calo della produzione di estrogeni da parte delle ovaie porta effettivamente l’organismo ad una serie di profondi cambiamenti ma si tratta di trasformazioni fisiologiche dell’organismo legate al passare del tempo. Per questo la menopausa non deve essere considerata una malattia. Talvolta però, in maniera variabile da donna a donna, possono comparire  disturbi più o meno gravi ai quali bisogna prestare attenzione, possibilmente cercando di prevenirli.

Sintomi della menopausa

I disturbi più frequentemente riscontrati sono: vampate transitorie di calore accompagnate da un’eccessiva sudorazione, sudorazione fredda, affaticabilità, insonnia, nervosismo, sovrappeso e disturbi dell’umore. Inoltre, mancando l’azione protettiva degli estrogeni, possono comparire disturbi che interessano l’apparato genitale e quello urinario, come bruciori e cistiti.

L’agopuntura, svolgendo un’azione di riequilibrio neuro-ormonale, si rivela valida per alleviare i sintomi della menopausa. Studi in materia dimostrano come alcuni sintomi, primi fra tutti le vampate di calore, diminuiscano significativamente con l’agopuntura.

Generalmente una seduta ogni 4 settimane garantisce un effetto benefico che dura nel tempo.

 

 

Agopuntura e fertilità

L’infertilità di coppia è una problematica cha ha notevole rilevanza su una vasta area di popolazione.

Il fenomeno, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), colpisce, nei paesi industrializzati come l’Italia, il 15-20% delle coppie in età fertile.

L’incidenza del fenomeno ha subito un incremento progressivo negli ultimi 20 anni.

Tra le cause si possono elencare:

  • Agenti chimici e inquinamento ambientale
  • Fumo
  • Abitudini alimentari
  • Abitudini sessuali
  • Fattori psico-emozionali
  • Un generale orientamento alla programmazione riproduttiva in epoca più tardiva rispetto alle passate generazioni.

 

AGOPUNTURA - MEDICINA CINESE - IPNOSI - Dott. Ferruccio Costa - O.M. GE 11812 - P.I. 03701270104 - CF: CSTNNN61T05D969V - TEL 3401770055 - www.ferrucciocosta.com - Agopuntore - Genova