- ARTROSI - ARTRITE - DOLORI CERVICALI - MAL DI TESTA - VERTIGINI - MAL DI SCHIENA - SCIATICA - LOMBOSCIATALGIA - ERNIA DEL DISCO - NEVRALGIA DEL TRIGEMINO - DOLORE NEUROPATICO - DOLORI MUSCOLARI - TERAPIA DEL DOLORE - TRIGGER POINT - CONTRATTURE MUSCOLARI - IPNOSI - SMETTERE DI FUMARE - PERDERE PESO - EFFETTI COLLATERALI CHEMIOTERAPIA

Le leggende sull’ipnosi

Leggende ipnosiEsistono ancora oggi, nell’immaginario collettivo, molte leggende che riguardano alcuni aspetti dell’ipnosi.

Sono molti quelli che pensano che si tratti di una forza che può far controllare la mente degli altri o che sia qualcosa di magico e misterioso che può costringere chiunque a svelare i segreti più nascosti.

LEGGENDA N°1: L’IPNOSI CONTROLLA LA MENTE

Uno dei miti più comuni è quello del controllo della mente. L’ipnosi in grado di controllare la mente non esiste. Ipnotizzare qualcuno non equivale ad indurlo in schiavitù. Non è possibile costringere in alcun modo qualcuno ad agire contro la propria volontà

In ipnosi semplicemente è possibile far aumentare il desiderio di fare qualcosa. Tuttavia ci sono dei limiti. Per esempio, non è possibile forzare qualcuno verso un comportamento che vada contro il suo codice morale. Non è possibile costringere qualcuno a commettere un crimine, come un omicidio o un furto, a meno che non avesse già prima, in circostanze normali, la volontà di commettere comunque quel crimine.

Ed è vero anche il contrario. Non è possibile trattare un comportamento criminale solo con l’ipnosi. Occorre che nel processo sia coinvolta la volontà della persona. Se, ad esempio, un cleptomane, uno cioè che ha l’impulso irrefrenabile di rubare qualunque cosa, vuole realmente smettere, l’ipnosi può essere uno strumento estremamente utile per aiutarlo. Se però un ladro non ha alcun problema a rubare, l’ipnosi non può fare assolutamente nulla per cambiarlo.

Se fosse davvero possibile controllare gli altri contro la loro volontà, non dovremmo più ricorrere alla reclusione. Basterebbe sottoporre tutti i criminali all’ipnosi e risolveremmo in un attimo il problema del sovraffollamento nelle carceri.

Durante l’ipnosi la mente è ancora perfettamente sotto controllo. La differenza è che in ipnosi si possono sperimentare esperienze che altrimenti non permetteremmo a noi stessi di sperimentare. Diventa possibile rendersi conto di come staremmo se la nostra vita fosse diversa.

LEGGENDA N°2: IPNOSI EQUIVALE A DORMIRE

Abbiamo visto che l’ipnosi non equivale a controllo mentale e, allo stesso modo – e qui cade un altro grande mito – l’ipnosi non equivale a dormire. Talvolta il sonno può essere usato come suggestione per indurre lo stato ipnotico, ma non è assolutamente quel genere di sonno a cui pensano normalmente le persone.

Di notte si va a dormire e si sogna, e per la maggior parte del tempo non si è svegli. Si è assolutamente inconsapevoli. Sembra quasi che la nostra mente scompaia da qualche parte per poi riapparire al mattino seguente. Qualcuno di noi ovviamente ha maggior consapevolezza dei propri sogni, ma solitamente c’è una netta distinzione tra essere svegli ed essere addormentati.

L’ipnosi è una sfocatura di questa distinzione. Durante lo stato ipnotico non sei proprio come quando giri completamente sveglio durante il giorno, ma non sei nemmeno come quando sei addormentato. In ipnosi sei assolutamente consapevole ed attento a quasi tutto quello che ti sta attorno.

In realtà, durante l’ipnosi si tende ad essere più attenti alle cose che ci circondano. Si è molto più attenti ai suoni. Si è molto più attenti alle voci, per esempio a quella dell’ipnotista. Si è molto più attenti ai sentimenti e alle sensazioni.

La verità è che durante l’ipnosi si tende ad essere maggiormente svegli piuttosto che meno svegli. Certo, è possibile ottenere un tipo di ipnosi in cui l’attenzione del soggetto scompare per poi riapparire dopo poco, ma questa è l’eccezione piuttosto che la regola.

LEGGENDA N° 3: IN IPNOSI C’E’ PERDITA DELLA MEMORIA

Molti pensano che, una volta fuori dallo stato ipnotico, dimenticheranno tutto quello che è successo durante la seduta. Sono convinti di poter ricordare tutto quello che è successo prima e tutto quello che succede dopo, ma di non poter ricordare nulla di quello che è accaduto “durante”.

In realtà, in alcuni casi, può essere utile che il paziente non ricordi determinate emozioni o immagini emerse durante la seduta; in questo caso l’ipnotista potrà suggerire al paziente di non ricordare espressamente determinate cose. Ma si tratta di circostanze particolari.

Di nuovo, anche in questo caso, la regola generale è che le persone ricorderanno esattamente ogni cosa. L’ipnosi non equivale a dormire e non causa alcuna perdita di memoria a meno che non sia specificamente suggerito.

LEGGENDA N°4: SI PUO’ RESTARE BLOCCATI IN IPNOSI

Un altro timore che talvolta le persone hanno è legato all’idea della possibilità di non svegliarsi dall’ipnosi. Cosa succede se non mi sveglio più? Cosa succede se mi ipnotizzano e resto bloccato in quello stato?

Questo è un mito molto facile da demolire. Semplicemente non è possibile che accada. La cosa peggiore che possa capitare ad una persona se l’ipnotista dovesse uscire dalla stanza, o morire, o partire per l’estero, è quella di addormentarsi per poi risvegliarsi da solo dopo mezzora o un’ora con l’impressione di aver fatto il miglior sonno di sempre.

LEGGENDA N°5: DURANTE L’IPNOSI SI POSSONO RIVELARE OSCURI SEGRETI

L’ultimo mito che voglio sfatare è relativo all’idea che le persone possano raccontare i loro segreti. La gente ha l’idea errata di diventare  vulnerabile durante l’ipnosi, di iniziare ad aprirsi e raccontare cose che non avrebbero voluto dire.

Sebbene l’ipnosi possa essere efficacemente usata per aprire porte che normalmente sono bloccate, di solito viene condotta in modo da aiutare le persone a superare i problemi e le difficoltà. In altre parole, è utilizzata col loro consenso. È fatta su loro espresso desiderio.

La verità è che, durante l’ipnosi, il soggetto può sentirsi così al sicuro e in confidenza con l’operatore, da sentire il desiderio di condividere con lui alcuni fatti che non ha mai svelato ad altri. Si tratta comunque di una scelta. In ipnosi i soggetti possono continuare a conservare i loro segreti a meno che, ovviamente, non decidano liberamente di raccontarli.

AGOPUNTURA - MEDICINA CINESE - IPNOSI - Dott. Ferruccio Costa - O.M. GE 11812 - P.I. 03701270104 - CF: CSTNNN61T05D969V - TEL 3401770055 - www.ferrucciocosta.com - Agopuntore - Genova